BAMBI HOME

OSTELLO

L’ostello dei giovani, o Bambi Home, è costruito nella stessa area che ospita la Scuola.

Se un bambino ha bisogno, lo accogliamo.

Breve Storia

Bambi Home nasce nel 2010 con il lungimirante obiettivo di dare maggiori opportunità sia ai ragazzi più grandi della Children’s Home che agli esterni provenienti dai villaggi. Ai primi, infatti, si permette di entrare a contatto con l’ambiente sociale che li aspetta nel mondo esterno, fatto anche da persone più agiate ed altre meno. 

Mentre ai ragazzi del villaggio si dà la possibilità di studiare e crescere in un ambiente dove si è seguiti costantemente. Questo è un fattore molto importante, dal momento che lo studio è un percorso che non inizia e finisce durante gli orari di scuola.

Storia

Bambi Home è divisa in due grandi edifici che ospitano l’uno le ragazze e l’altro i ragazzi. Nel mezzo tra i due corpi, c’è la costruzione che ospita al piano terra, la mensa dell’ostello e le cucine e ai piani superiori la Matric School (vedi Programmi). Ognuna delle due ali dell’ostello ospita, oltre alle camere del dormitorio, un’aula di studio, la sala multimediale, la sala per lo Yoga, uno spazio dove poter svolgere riunioni. La capienza totale tra ragazzi e ragazze è di circa 350 studenti. La mensa, molto ampia, può ospitare fino a 800 persone. Nell’ala delle ragazze si trova il convento delle suore che gestiscono la casa e la cappella. Sono presenti, infine, delle camere per gli ospiti e delle strutture di base per garantire servizi primari come acqua ed energia, lavanderia, cucine, impianto fotovoltaico. Tra la scuola e la Bambi–Home si estende un vasto spazio per i giochi.

Struttura

Il Centro si compone di un edificio principale a tre piani che è il dormitorio, la sala di studio e le camere del personale. Nell’edificio sulla destra si trovano le cucine e il refettorio. Più dietro ci sono altre camere anche per ospiti e una sala didattica per i bambini. A sinistra dell’edificio centrale si trova la Cappella.

Non solo un ostello

La vita degli studenti all’interno della Bambi Home si svolge in modo simile a quella della Children’s Home. Strutturalmente non ci sono grandissime differenze, i principi e valori educativi di fondo sono gli stessi (vedi Casa-famiglia) Ovviamente, si tiene conto del fatto che i ragazzi della Bambi Home sono piu’ grandi e maturi e pertanto anche le regole e le abitudini subiscono lievi adattamenti. In ogni caso a tutti i ragazzi si permette di vivere in un’atmosfera familiare e di diventare sempre piu’ indipendenti crescendo.

Le ragazze sono prevalentemente seguite dalle suore che collaborano nei progetti di Vanaprastha, mentre i ragazzi sono seguiti per lo piu’ dai confratelli presenti. L’educazione continua a seguire il fondamentale principio olistico, al quale si affianca la cura della persona non solo nell’aspetto didattico-disciplinare, ma anche in quello psicologico e dello sviluppo della persona. I ragazzi adolescenti iniziano il percorso della presa coscienza del sé affrontando le tipiche dinamiche adolescenziali. Lo staff di Vanaprastha si preoccupa, dunque, di supportarli in questo cammino sia permettendogli di svolgere attività il piu’ possibile varie e dinamiche sia mettendo a disposizione costantemente un servizio di counseling personale offerto dal personale piu’ specializzato in materia.

La giornata comincia con la sveglia alle 5 e 45, poi dalle 6 e 30 alle 7 e 15 c’è Yoga. Successivamente si fa colazione e si completa il lavoro di studio e si ripassano gli agomenti studiati. Alle ore 8 e 45 iniziano le lezioni. Finite le lezioni alle 16 i ragazzi giocano per circa un’ora e mezza. Alle 18, poi, si recano nell’aula di studio per eseguire i compiti. Dalle 20 alle 21 cena e ricreazione. Infine, la giornata si conclude con l’ultimo momento di studio dalle 21 alle 22 e 30. Durante i giorni liberi invece, come la domenica, i ragazzi hanno molto piu’ tempo libero per portare avanti attività creative o di svago. In questi giorni i ragazzi possono ricevere le visite dei loro parenti, e quando si tratta di piu’ giorni di festa consecutivi si lascia loro anche la possibilità di tornare a casa.

Bambi Home per tutti

Al contrario della Children’s Home, piccola e dedicata esclusivamente a bambini in condizioni di estremo disagio, Bambi Home è aperta a qualsiasi ragazzo-studente che voglia istruirsi all’interno delle due scuole di Vanaprastha. Alle famiglie degli studenti non provenienti dalla Children’s Home si richiede contributo per finanziare le spese di mantenimento. Sono previsti aiuti per le famiglie povere o poverissime che hanno fiducia nel personale di Vanaprastha per l’educazione dei propri figli e che non possono sopportarne l’onere economico. Così come avviene per le tasse prettamente scolastiche, la direzione provvede a un basilare processo di selezione che permetta di individuare e distinguere coloro che hanno bisogno di maggiore aiuto da coloro che possono sopportare la spesa per il mantenimento dei figli. Pertanto, non sono pochi i casi di ragazzi provenienti dai villaggi completamente o parzialmente esenti dal pagamento dei contributi. Tale scelta è in linea con la Missione di Vanaprastha. L’obiettivo di aprirsi ai villaggi circostanti e rivoluzionare il sistema educativo non potrebbe altrimenti essere attuato se i servizi dell’organizzazione fossero dedicati solamente a chi proviene da famiglie Abbienti.

I benefici di vivere nella Bambi Home

Oltre al più immediato beneficio dell’istruzione, i ragazzi che crescono nella Bambi Home vengono messi nelle condizioni di imparare a vivere e convivere all’interno della società. Vivere in una famiglia di un villaggio di poche decine di persone spesso significa vedere il mondo come lo spazio interno alla propria casa, dove potersi chiudere e sentirsi protetti. Nella Bambi Home i ragazzi convivono con molti altri loro coetanei, amici e fratelli, e ricevono l’educazione e lo spirito di Shantimarga. È fondamentale, per garantire il loro corretto e costruttivo inserimento nella società, che imparino a convivere con gli altri, ad aiutarsi e rispettarsi a vicenda e a condividere ciò che possiedono. Questa è l’impronta che vuole trasmettere Vanaprastha ai suoi ragazzi: mantenere un approccio olistico alla vita e diventare dei buoni cittadini.